Tutti nessuno escluso
Coordinamento nazionale per l'inclusione sociale dei disabili psichici

Adesione all'Associazione
Mappa del sito
P N M G
Home Chi siamo Appelli Aree di intervento Contatti Archivio Legislazione
Chiudi_X
Seminario IL FUTURO DELLA TUTELA
DALLA TERRA ALL’ANTIDISCRIMINAZIONE

Le molte recenti evoluzioni sul piano tecnologico, della sensibilità generale, nonché sul piano giuridico e medico legale, consentono di immaginare e costruire una maggiore attenzione alla persona al fine di assicurare maggiore indipendenza, riduzione dello stigma sociale e, per quanto possibile una più soddisfacente vita sociale, conseguendo la tutela integrale della persona e la sua realizzazione nel lavoro.
Il Convegno, in collaborazione con l’Ufficio Studi di Assennato&Associati e con la CGIL del territorio vuole essere un’occasione per stimolare quanti, a più livelli e in più ambiti si occupano di tutelare il patrimonio delle persone, fornendo spunti di riflessione e confronto anche basandosi sulla storia del territorio sul quale ci troviamo ad operare.

Il Servizio Civile Nazionale

Il Servizio Civile Nazionale è spesso prestato in ausilio di persone con disabilità. Perchè non saltare il fosso? Abbiamo, fra le persone con disabilità, valenti tirocinanti, valenti lavoratori, abbiamo persone con disabilità cognitiva che insegnano ad altre persone con lo stesso tipo di disabilità.
E prestatori del Servizio Civile Nazionale con disabilità?
Mi sono arrivate più richieste di chiarimenti in merito. Cominciamo da una situazione di prossimità, la Regione Lazio, poi si potrà ampliare la ricerca. Ecco due indirizzi:
Servizio Civile - Regione Lazio --- Testo Legge regionale servizio civile
(Legge Regionale 14 giugno 2017, n. 5 - "Istituzione del servizio civile regionale" - art. 10 "Soggetti ammessi al servizio civile regionale" - comma 2: ^^Sono ammesse le persone con disabilità di cui all’articolo 1 della legge 12 marzo 1999, n. 68 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili) e successive modifiche in possesso dei requisiti di cui al comma 1, lettere b) e c) e con un'età compresa tra diciotto e trentacinque anni.^^)
Ringrazio sentitamente l'amico Claudio Tosi del CESV (Centro Servizi per il Volontariato) per le preziose informazioni fornitemi.
Claudio Tosi si è anche dichiarato disponibile a fornire un sostegno per progetti sul Servizio Civile a coloro che fossero interessati a parteciparvi.
In questo caso contattatemi per essere indirizzati a lui.
Sandro Paramatti (a.param@inwind.it)

Segnalazioni & Informazioni

Sanità Vai alla pagina ...
legge n. 104/92 | Consultorio per donne con disabilità | Protocolli INPS | altro ...
Lavoro Vai alla pagina ...
Politiche per la disabilità | Disability manager | altro ...
Scuola Vai alla pagina ...
Insegnante di sostegno | Assistenza educativa
Sociale Vai alla pagina ...
Indennità di accompagnamento | 2017 Rivalutazione prestazioni economiche | Ferie e malattia nel pubblico e nel privato
Varie Vai alla pagina ...
ISTAT, nasce un archivio integrato dei disabili


Scuola

La mancanza di un insegnante di sostegno è discriminazione

Qualche giorno fa avevo messo in rete quanto segue:
E, se c'è discriminazione, c'è anche una bella legge anti-discriminazioni, la legge 67/2006!

L'avv. Salvatore Nocera mi ha scritto precisando quanto era necessario precisare, e che mi trova pienamente d'accordo. Mai dimenticare che la funzione degli insegnanti di sostegno è quella di supporto al processo didattico della classe intera, che ha lo scopo di includere gli alunni con disabilità, ed ai docenti curricolari, così da consentire pari opportunità di apprendimento per detti alunni con disabilità. Una riduzione (o peggio la soppressione) delle ore di sostegno, ritenute necessarie dai medici specialistici, comporta l'impossibilità di realizzare il processo di inclusione e dunque porta alla discriminazione di cui rimane vittima l'alunno con disabilità. Quì sotto il testo della e-mail dell'avv. Nocera.
Sandro Paramatti


La discriminazione però non consiste nel fatto che all'alunno con disabilità vengono ridotte le ore di sostegno, mentre lo stesso non avviene con le ore dei docenti curricolari per i compagni senza disabilità; questa motivazione è erronea, poichè creerebbe un parallelismo assurdo tra i docenti curricolari che sono riservati agli alunni non disabili e quelli per il sostegno che sono esclusivi per quelli con disabilità. La discriminazione consiste nel fatto che agli alunni con disabilità occorrono, oltre ai docenti curricolari, altre risorse in più come quelli per il sostegno per metterli nelle stesse condizioni di pari opportunità ai compagni senza disabilità.
Salvatore Nocera

Nasce un dibattito - Il fallimento del "dopo di noi"
Famiglie sempre piu' sole e 40 mila disabili fantasma.
"Tommy orfano. Quanta angoscia pensare al futuro"

Ho scritto, per quanto in oggetto, riportando due articoli sul "Dopo di noi" pubblicati sulla "Stampa".
Ho ricevuto una replica da una persona che conosco e stimo moltissimo (se avrete la pazienza di leggere quì sotto, comprenderete il perchè).
Uno spunto molto interessante.
A mia volta ho ritenuto opportuno replicare al Prof. Arconzo, e, poiché i testi tirati in ballo sono di origine giornalistica (Stampa e Vita.it, quest'ultimo riportante il pensiero del Prof. Arconzo), o frutto della mia penna, ed infine una e-mail da me ricevuta da parte del Professore, di contenuto perfettamente in linea con quanto da lui espresso nell'articolo di Vita.it, mi sono permesso di pubblicare il tutto, per dare l'opportunità, a chi ne fosse interessato, di farsi un quadro aggiornato della situazione.
Sono certo che il Prof. Arconzo perdonerà la mia licenza nel dare pubblicità ad una sua e-mail privata, ma che non contiene nulla di personale, tranne la manifestazione della nostra amicizia, ed il cui contenuto è già riportato con maggiore ampiezza nell'articolo di Vita.it.
Ogni altro eventuale contributo o commento, da parte di tutti, sarà graditissimo ed utilissimo.
Cari saluti.
Sandro Paramatti    Vai alla pagina ...

PEI - Il Piano Educativo Individualizzato: alcune riflessioni
Ecco un articolo realmente interessante sul PEI, il Piano Educativo Individualizzato, autore Giovanni Maffullo per Superando.it. Tanti spunti, ma li riduco all'osso, poichè l'articolo già di suo ne è ricco ed è piuttosto esteso.
Maffullo ricorda che il PEI dovrebbe essere sempre, ma raramente lo è, il frutto della collaborazione fra Scuola, Sanità e Famiglia.
A questo proposito l'autore cita l'articolo 14 "Progetti individuali per le persone disabili" della legge 328/2000 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali", nota come Legge Turco.
Io vorrei quì ricordare (Maffullo lo fa, ma senza citare in questo caso il riferimento legislativo) il ruolo centrale che ha la famiglia non solo nella redazione del PEI, ma anche in ogni intervento che riguarda la persona con disabilità.
di Sandro Paramatti    Vai alla pagina ...

Lavoro


Lavoro

Scuola: Ore di sostegno insufficienti.
Solo con i tribunali, ordinari od amministrativi, c'è una possibilità di ottenere quanto ci spetta e ci è negato. E' assai triste, ma non rimane che prenderne atto.
Sandro Paramatti

da Redattore Sociale del 22-05-2017
Ore di sostegno insufficienti: 10 mila euro di risarcimento per la famiglia
Sentenza del Tribunale di Roma: il Miur dovrà pagare oltre 10 mila euro alla famiglia di un alunno disabile, a cui erano state assegnati solo 12 ore di sostegno sulle richieste dai medici e indicate nel Pei. Anief: “Grande risultato per la nostra battaglia di civiltà”.


Corsi gratuiti per giovani disabili a Roma. 2017-2018
corsi professionali Sono aperte le iscrizioni a corsi gratuiti per giovani con necessità speciali che si tengono presso il Centro di Formazione dell'Associazione Capodarco Roma Formazione Onlus.

Brochure e locandina delle attività:
Presentazione Attività --- Come iscriversi
LOCANDINA VOLANTINO 2017-18

contatti e chiarimenti: Loredana Tamburrano
cellulare 338-1918513 ; tel fisso 06-7188839


ISEE no Grazie
Il Consiglio di Stato respinge il ricorso del governo
"Isee No Grazie". Il Consiglio di Stato respinge il ricorso proposto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministero dell'Economia e delle Finanze.
Dopo di Noi
Casa Famiglia Martedì 14 giugno la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva la legge n. 2232, detta del "dopo di noi".
Legge per persone con disabilità grave.
Corsi professionali per disabili
corsi professionali Corsi e centri Formazione Professionale per disabili, con possibilità di svolgere tirocini di avviamento al lavoro.
Il Presidente Mattarella ricorda le persone disabili.
Dal discorso di insediamento difronte a tutto il Parlamento, alla "Giornata Nazionale delle persone con disabilità intellettiva" al Quirinale.

Le difficoltà del caregiver familiare

Le difficoltà dei familiari che assistono un parente disabile grave
di Giampaolo Celani    
Vai alla pagina ...
MANIFESTO PER UNA SCUOLA PER GLI STUDENTI
Da genitori, da cittadini, coinvolti direttamente nel mondo della scuola attraverso i nostri figli, esprimiamo profondo sconcerto ....
di Giampaolo Celani    
Vai alla pagina ...
Lavoro per i disabili
Parlamento:Se è il controllore che elude non ci resta che piangere.
di Giuseppe Dominijanni    
Vai alla pagina ...
Genitore caregiver familiare
Sono Sandro Paramatti, genitore, 72-enne, caregiver familiare, maschio (sembra siano rari i maschi, ma secondo me non è così).

La natura fondamentale del diritto prima del bilancio dell’ente
La provincia di Pescara ricorre presso la Corte Costituzionale contro alcuni commi inseriti nelle leggi della regione Abbruzzo ...
Vai alla pagina ...

Lavoro
IL LAVORATORE CON DISABILITÀ PUÒ ESSERE LICENZIATO SOLO CON IL PARERE DELLA COMMISSIONE MEDICA COMPETENTE
di Nina Daita Vai alla pagina ...

Jobs Act. Risposta della Commissione Europea

Il ricorso alla Commissione Europea e l'appello contro la chiamata nominativa generalizzata dei lavoratori con disabilità. Vai alla pagina ...
Collocamento
L'ennesimo esempio di come le aziende, obbligate dalla legge 68/99 ad assumere personale con disabilità, operano sfacciatamente per aggirare gli obblighi di legge. Collocamento. «Io, disabile, assunta e poi esclusa dal lavoro»
  Tutti Nessuno Escluso.itContatti: info@tuttinessunoescluso.itMappa del sito